by ElementGaming in
League of Legends News

Nuova Rubrica: Meta thug life (by SpongebobVonkill)

L’obbiettivo di questa rubrica è quello di tradurre in parola l’esperienza dei migliori giocatori al mondo, in modo che i lettori sentano di aver imparato qualcosa di nuovo dopo ogni articolo. Per questo scopo ritengo che sia più utile analizzare nei dettagli singoli game particolarmente interessanti “meccanicamente” anziché voler raccontare tutto superficialmente. Quello che voglio fare è utilizzare i diversi game come base per spiegare le meccaniche e le composizioni.
Gli articoli che scriverò non sono cronaca, vogliono spingersi oltre per provare a cogliere l’esperienza dei pro player e trasformarla in parola.

Passiamo ora al primo game analizzato in questa rubrica

Meta thug life: Poke vs Heavy engage

Il game oggetto di analisi è il match del W4 D4 dell’LCK tra gli Anarchy e i KT.

Analizziamo le peculiarità di questi due team

La poke comp: preferisce scenari di push, si basa sulla bravura dei singoli player (skillshot) e se questi vanno a segno, trasforma il push in una presa di un obbiettivo.
Più semplice meccanicamente da giocare ma dimostratasi meno efficace.

La heavy engage comp: utilizzata per i “pick punitivi”, necessità di un buon coordinamento sia per il posizionamento che per l’uso dei CC, le uniche vere fonti di danno sono il mid e l’adc. L’efficacia di un tower dive è sintomatica della più o meno buona coordinazione del team. Sicuramente più difficile da giocare della poke comp ma che ha saputo dimostrarsi più efficace in questa situazione.

Champion select

il team “poke” non risulta essere nuovo in questo meta, ciò che invece è interessante è il team heavy engage con TF+Rek’Sai, che rappresenta la versione full map della vecchia combo TF+Nocturne, ma che Rek’Sai rende molto più efficace per il range “full map” dell’ultimate e per il knock up AOE. TF e Rek’Sai garantiscono la possibilità di un counter-gank che si conclude sempre in superiorità numerica per i KT, grazie proprio all’abilità dei loro 2 champ di percorrere velocemente la mappa, pronti a ribaltare ogni situazione.

L’ultimate di Sivir (unita ai 2 righteous glory) diventa la base ideale e necessaria per farsi strada verso i carry nemici. Il gank in botlane è stato innescato dalla ulty di TF, flash tibber+ulty di Sivir. Doppio stun: ecco quanto basta per eliminare corki all’istante! Nonostante questo tipo di team conceda delle build un poco “flessibili” la scelta di Sivir sembra rimanere obbligata, in quanto la sua passiva e la sua R (soprattutto) permettono gli engage anche nelle prime fasi di gioco dove i righteous glory non sono ancora completati.


Qui vediamo un buon uso dell’ulty di tf sul carry nemico isolato, risultato in una rapida kill e conseguente 5v4. L’heavy engage punta a punire i champ che rimangono isolati sulla mappa per concentrarsi solo in un secondo momento sugli obbiettivi.
Arriviamo a Maokai: questo game potrebbe costituire di per se una guida a come giocare il tankoso super albero! Ssumday utilizza questo champ in modo splendio e senza sbavature. Maokai si inserisce perfettamente all’interno di questa comp grazie al “flash+w” che garantisce una “pick” sicura e alla sua tankosita (grazie anche all’ultimate) che gli permette di rimanere in vita all’interno del team nemico.

Guardando l’immagine si può notare Nagne che ha ultato in mezzo al team nemico, lanciato la gold card e usato istantaneamente la zonya, in modo da aspettare illeso l’arrivo del suo team. Un uso magistrale dell’ultimate di TF, come si vede i due carry nemici si trovano già al 30% della vita massima all’inizio del team fight, doppio engage mirato a eliminare entrambi i carry

 

Questo game ha subito preso una chiara direzione, che possiamo definire insolita, in genere infatti una comp heavy engage tende ad avere più difficolta in lane e a dare il meglio nel mid game e nei team fight, ma questo game per i KT è stato completamente in discesa.

 

Share Post:

Related Posts