by ElementGaming in
League of Legends News

Inside the World Championship: Il più bel mondiale di sempre parte 2

 

Non c’è nulla da fare, non c’è stata una giornata che non ha riservato sorprese in questo magnifico mondiale che vede qualificarsi ai quarti di finale tutte e tre le squadre dalla LCK, due dalla EU LCS, a sorpresa entrambe della LMS e clamorosamente l’unica rappresentante cinese Edward Gaming.

Incredibile come dopo un’ottima prima settimana di CLG e Cloud 9 non è presente nessuna squadra americana ai quarti, con i tre team che hanno totalizzato un punteggio totale di 0-10 nella seconda settimana, un risultato terrificante per l’NA LCS.

 

Ma andiamo per ordine…

 

Sabato è stato il giorno del gruppo D, il cosiddetto gruppo della morte dove gli scoppiettanti Origen erano favoriti per il passaggio del turno in virtù del 3-0 della prima settimana, seguiti a ruota da KT Rolster,TSM e i quasi eliminati originariamente favoriti, LGD.

Nella prima partita, gli Origen chiudono subito la pratica qualificazione contro i TSM, con un’impressionante match durato a lungo e povero di kill ma dominato dagli europei grazie a una gestione degli obbiettivi fantastica e la capacità di trasformare il vantaggio minimo di uccisioni in torri e draghi. A questo punto gli OG sono 4-0 e già qualificati, e i TSM hanno bisogno di vincere le restanti partite e sperare in un passo falso dei KT Rolster.

 

Subito dopo, altra sconfitta per gli LGD, che escono in modo clamoroso dopo uno 0-4 umiliante nonostante l’inserimento del sostituto Flame, che però evidenzia la forza dei KT che si candidano ad un primo posto nel girone a patto di battere gli Origen nel loro scontro diretto.

kt

Le cose iniziano a farsi interessanti quando gli ormai eliminati LGD sorprendono e infliggono la prima sconfitta del torneo agli Origen (e dire che, chiamare sorpresa il fatto che i campioni di Cina abbiano sconfitto il 3 seed europeo, la dice lunga). Ottime giocate su tutta la mappa dei cinesi che portano a casa questa prima vittoria e ci lasciano con qualche dubbio sull’effettiva forza degli Origen, oltre alla propria.

 

I KT Rolster in seguito si disferanno dei TSM eliminandoli, e portando tutta l’attenzione del gruppo sulla sfida successiva, tra i coreani e gli Origen, per decidere chi si qualificherà come prima squadra classificata nel girone.

4b194799ae63f29ee663ba666c0b315b

Ed è qui che gli Origen ci deludono, perdendo contro i KT e passando al secondo posto. Forse è stato semplicemente un eccesso di rilassamento, visto che abbiamo visto come i giocatori europei fossero sollevati dopo la partita contro i TSM e non hanno pensato troppo alle altre partite; o forse li abbiamo troppo sopravvalutati. Staremo a vedere come si comporteranno ai quarti contro gli Yoe Flash Wolves.

 

Nell’ultima partita assistiamo all’addio alla scena competitiva dello storico toplaner dei TSM, Marcus “Dyrus” Hill. Un match tra due squadre già eliminate che si trasforma in un bagno di sangue che vede prevalere gli LGD, che ora possono iniziare con i rimpianti per avere gettato al vento una qualificazione abbordabile. La serata si conclude con un’intervista a Dyrus che saluta il pubblico in lacrime. Grazie di tutto Dyrus, ci mancherai tantissimo.

 

Il Gruppo B mi ha invece deluso estremamente, con una giornata piena di partite poco combattute e ad un certo punto piuttosto scontate. Fatta eccezione per gli Invictus Gaming, tutte le squadre del girone hanno giocato come ci saremmo aspettati nella prima settimana, con l’exploit di ahq e Fnatic e il crollo drammatico dei Cloud 9.

sneaky

Partendo dal presupposto che i Cloud 9 hanno mostrato sì un gioco intelligente ma allo stesso tempo prevedibile e basato sul semplice pick di Azir e Tristana e un push rapido che evitava il confronto diretto con gli avversari affamati di sangue (tutte le squadre del loro girone prediligono i team fight) e permetteva rapide rotazioni agli obiettivi. Speravo in un cambio di gioco, ed in effetti c’è stato un cambio di pick con la scelta di Jinx nella prima sfida contro i Fnatic, tuttavia Reignover al controllo di Elise e il pick di Kennen come adcarry hanno completamente surclassato gli americani, alla prima sconfitta è visibilmente in confusione dopo la partita.

 

Ma l’altra notizia sono i ritrovati ahq, che dopo essersi sbarazzati dei sempre più deludenti IG fanno strage anche dei Cloud 9 che continuano a deludere e inizia a materializzarsi la possibilità di una eliminazione dei C9 che fino a qualche ora prima erano dati per qualificati e pretendenti alla semifinale.

Dopo un’altra brutta partita degli IG contro i Fnatic, il team si è ripreso sconfiggendo di nuovo i Cloud 9 che falliscono quindi ad assicurarsi un posto ai quarti e dovranno giocare uno spareggio contro la perdente di ahqFnatic per il secondo posto. Una delusione enorme vedendo i presupposti della giornata.

 

Veniamo dunque alla partita più bella della giornata, che ha contrapposto le due pretendenti al primo posto.

 

Gli ahq sono stati sotto per quanto riguarda i gold per tutta la partita. Ciononostante, il loro stile di gioco incentrato sul teamfight li ha portati ad un passo dal vincere la partita, con protagonista AN, autore di grandi giocate su Jinx.. Tuttavia, un errore quando la partita sembrava già vinta gli è costato la vittoria, e i Fnatic hanno prenotato il primo posto nel girone, condannando gli ahq allo spareggio contro i malconci C9.

febiven

Se qualcuno avesse solo per un momento pensato che gli ahq potessero avere un momento di debolezza e i Cloud 9 uno di rinascita.. Beh era in errore. Il sogno americano è stato spazzato via.

Tornatevene in America con le vostre torte di mele e libertà, Cloud 9.

 

Non due giornate spettacolari ma le sorprese ci sono state. Ora ci saranno i quarti, chi riuscirà a superarli?

Ma soprattutto, chi taglierà i capelli a Rekkles?

Share Post:

Related Posts