by ElementGaming in
News Pokemon

Fine del mondiale

Siamo arrivati alla conclusione del campionato mondiale di Pokemon 2017, tenutosi ad Anaheim, in California.
Tutti i giocatori con una buona stagione alle spalle, hanno lottato per accaparrarsi il titolo di campione del mondo; titolo guadagnato dal giapponese Ryota Otsubo, con un team che riservava sorprese agli avversari, a partire dal Brick Break del suo Marowak-Alola. Anche il team dell’altro finalista aveva molti elementi che potevano spiazzare l’avversario, dal Disable del suo Ninetales-Alola al suo Xurkitree.

Mondiale

La finale

Tra i due vi è stata una finale molto combattuta, con il primo match vinto dall’australiano Sam Pandelis; che ha dominato con il suo Xurkitree, arrivato a +5 in attacco speciale; boost che equivale ad un x3,5 alla statistica già altissima dall’inizio. Purtroppo per lui, però, nei successivi due match, il giapponese è riuscito ad arginare Xurkitree grazie al suo Tapu Fini Choice Specs ed al suo Whimsicott, riuscendo a vincerli entrambi e confermarsi campione del mondo 2017.

Mondiale

Le squadre

Per quanto riguarda le squadre utilizzate in questo mondiale, qui potrete trovare quelle utilizzate dai giocatori che hanno occupato le prime 8 posizioni. Per quanto riguardo gli altri team, troviamo un gran numero di Salamence e Metagross; soprattutto insieme per usare Bulldoze con Salamence per ridurre la velocità degli avversari ed attivare la Weakness Policy di Metagross aumentandogli di 2 stadi le statistiche offensive. Troviamo inoltre una decrescita nell’utilizzo di Tapu Lele; Tapu che ad inizio meta era molto presente in giro per i suoi danni con la mossa z Shattered Psyche. Da sottolineare, però, è anche la drastica scomparsa di Porygon2; Pokemon utilizzatissimo in tutta la stagione grazie alla sua grandissima bulk, l’accesso a Recover e un movepool eccezionale. Poi si sono visti anche diversi Pokemon inusuali, che però non sono andati troppo lontano; ad esempio Carracosta, Trevenant e Poliwrath. Infine ricordiamo una “gimmick” di un nostro italiano; stiamo parlando di Alessio Yuri Boschetto e del suo Tapu Fini Choice Scarf con Soak, messo in squadra con Tapu Koko e Kartana; grazie a questa strategia, Yuri è riuscito a fare top16.

Share Post:

Related Posts