di ElementGaming in
League of Legends News

Torna la vecchia rubrica dedicata agli eSports di Element Gaming con l’appassionatissimo Akali pronto a fare il punto della situazione dopo la prima settimana delle maggiori leghe professionistiche di League of Legends.

QUI EU LCS

Per la lega Europea c’è stato un cambiamento sostanziale. Oltre all’aggiunta globale dei 10 ban, l’EU LCS è passato da un formato al meglio di due partite ad un formato al meglio di tre, così da non avere i così frequenti pareggi che avvenivano l’anno scorso. I roster sono cambiati tantissimo, tuttavia le gerarchie sono rimaste le stesse.

1. I Gamers2 e gli H2k sono ancora le squadre da battere. con due roster stellari che nel caso degli H2K è stato addirittura migliorato rispetto allo scorso anno con l’aggiunta di Febiven e i due coreani Nuclear e Chei. Il primo ritorna agli H2K dopo la sua consacrazione nel team dei Fnatic, mentre Nuclear viene dagli SBENU Sonicboom, dei quali era la star. Chei è stato il support dei Jin Air Green Wings, prima dello smantellamento del team in questo inverno.

2. Fnatic, così non va. I beniamini del pubblico europeo sono sconfitti dai G2 come prevedibile, ed anche se sono riusciti a strappare via un game ai campioni in carica non si può dire che essi siano imbattibili. In sostanza, il nuovo roster non convince per nulla. Che sia un’altra annata storta?

3. Chiunque può lottare per il terzo posto ai mondiali, e chiunque può retrocedere. Non ci sono grandi dislivelli tra le squadre europee, eccezion fatta per Gamers 2 e H2K. Sicuramente il livello generale non è altissimo, ma almeno la stagione sarà sicuramente bilanciata. Giants, Misfits, Splyce e Unicorns Of Love saranno sicuramente in pole per la lotta al terzo posto.

Ecco i risultati della prima giornata:

Origen 0-2 H2k ; G2 2-1 Fnatic ; Misfits 2-1 Giants ; Unicorns Of Love 2-0 Team Vitality ; Roccat 0-2 G2 ; H2k 2-0 Splyce

QUI NA LCS

 

QUI CHINESE LPL

 

QUI KOREAN LCK

Condividi l'articolo

_ Articoli