Project L di League of League of Legends
by Azeras9 in
News

Finalmente, dopo praticamente 2 anni di trepidante attesa, il picchiaduro ambientato nell’universo di League of Legends si è mostrato al pubblico, con una versione acerba ma già estremamente promettente. Parte di quello che si direbbe ormai un “Riotverse”, che di recente ha visto il debutto dell’acclamata serie Netflix Arcane, del platform-rythm Hextech Mayhem e di Ruined King, Project L si getta nel mondo dei picchiaduro competitivi con delle idee davvero interessanti.

Come raccontato dal Senior Director ed Executive Producer Tom Cannon, Project L avrà una struttura simil-Marvel vs Capcom e DragonBall FighterZ, ovvero prevederà un team di due personaggi che possono alternarsi tramite tag, permettendo elaborate e abbaglianti combo. Inoltre, il gioco sarà provvisto di un netcode non solo rollback, ma anche server-based, permettendo di minimizzare la latenza rendendo le partite online quanto più simili al gioco in locale.

Gli sviluppatori promettono un gameplay profondo e appagante, con uno skill floor molto basso ma uno skill ceiling altissimo, quindi in grado di accontentare ogni fetta di giocatori, dai novizi ai nostalgici delle sale giochi.

Infine, seppur tecnicamente acerbo, non si può non apprezzare lo stile cartoon che da sempre caratterizza l’universo di LoL, qui reso ancora più intrigante da un livello di dettaglio quantomai solido ed un lavoro di effettistica dinamica che promette faville.

Insomma, non vediamo l’ora di saperne di più!

Share Post:

Related Posts