Sony California e l'equal pay act
by V1nc3ntP in
News

Dopo aver ricevuto la solidarietà da parte di Microsoft e Nintendo in seguito alla propria azione contro Activision, per Sony è arrivato il momento di affrontare la sua prima causa interna per discriminazione. Stando alle ultime notizie, pare che un’ex dipendente della sua sede californiana abbia intentato una causa per discriminazione sessuale contro il colosso giapponese.

L’ex analista Emma Majo ha depositato una causa contro la società presso il tribunale della California, denunciando una violazione dell’Equal Pay Act, volto a evitare l’ingiusta differenza di salario tra uomini e donne, attualmente in vigore negli Stati Uniti.

Sempre attraverso alcune dichiarazioni della donna, sembrerebbe che un dirigente della società non chiuda mai la porta della sala se al suo interno, insieme a lui è presente solo una donna e sempre lo stesso manager pare abbia più volte ignorato di parlarle se nella stessa stanza era presente un collega uomo, rivolgendosi sempre e solo a lui. Pare che la donna sia stata esclusa da qualsiasi tipo di promozione negli ultimi 6 anni; anzi, pare che sia addirittura stata “retrocessa”. Le fonti riportano che il licenziamento è scattato dopo che, a inizio anno, la donna aveva mandato una mail ai suoi superiori in cui descriveva dettagliatament delle discriminazioni subite.

Sony ha ribattuto sostenendo che il motivo del licenziamento fosse in realtà la chiusura di un intero reparto. Un reparto del quale però Emma non faceva parte.

Criticando la cultura predominata dagli uomini, l’ex dipendente di Sony PlayStation sta ora avviando una Class Action in favore delle donne, per tentare di porre fine a ogni disuguaglianza di genere.

La questione, pare verta soprattutto sul fatto che Sony non sia stata capace di implementare e sviluppare un sistema ed una cultura che garantissero un eguale distribuzione delle opportunità, così come anche di promozioni e stipendi. Come molti sapranno, Sony è una compagnia che ha origine in Giappone, paese tristemente noto per avere una visione alquanto “particolare” per quanto concerne la parità di genere. Poche sono infatti le donne con ruoli dirigenziali nelle aziende del paese del Sol Levante.

Share Post:

Related Posts