Xbox contro i toxic players
by ladamadelsilenzio in
Element Weekly News

Non è di certo una novità trovare su un videogame multiplayer online comportamenti tossici da parte di altri giocatori. Per comportamento tossico non si intendono i soli insulti vocali o scritti, ma anche le continue provocazione nei confronti di altri giocatori, siano essi compagni o avversari. In questo modo videogiochi come Valorant, League Of Legends, Call Of Duty e Fortnite diventano sempre più luogo di disprezzo, e la poca gente che vorrebbe apprezzarli per quello che sono, un semplice svago, viene invece invogliata ad allontanarsi.

Comportamenti tossici però sono stati riscontrati non solo da parte di utenti da pc, ma anche da console. Di quest’ultimi al momento solo Playstation e Xbox ne posseggono una quantità impressionante. Ma come reagiranno le due case in merito al problema?

Per quanto riguarda il brand Xbox, Philip Spencer di recente ha affermato che la sua idea di deterrente per questi comportamenti sarebbe un ban globale. Ovvero un ban che non agisce solamente su una piattaforma, ma su tutte e in contemporanea. In questo modo si andrebbe ad arginare il problema fin dall’origne impedendo a quest’ultimo di continuare altrove.

Share Post:

Related Posts