by ItsLilyren in
Element Gaming Element Weekly News Overwatch
A sei anni dall’uscita di Overwatch, Blizzard presenta Overwatch 2, il nuovo progetto pronto a risollevare un titolo da molti dimenticato. Una domanda, però, sorge spontanea: il mondo ha ancora bisogno di EROI?
Overwatch

Era il 3 maggio 2016 quando viene mostrato al mondo Overwatch, un nuovo sparatutto a squadre che, all’uscita, si afferma subito come un videogioco nuovo, divertente e di cui la community videoludica aveva bisogno. A un anno dall’uscita contava 40 milioni di player grazie al perfetto mix di divertimento e competitività, caratteristiche che, però, con il tempo sono sparite lasciando la community ferma in un gioco senza cambiamenti.

Su Overwatch si sfidavano due team da sei giocatori (divisi in Tank, Attacco e Curatori) in diverse modalità di gioco, compresa la modalità Competitiva, nella quale i player cercavano di rankare e migliorare al fine di entrare nella Leaderboard della Top 500, rank massimo presente in gioco, e che porterà alla creazione della Overwatch League, circuito competitivo per i migliori team al mondo.

Il gioco presentava anche alcune modalità PvE che seguivano la storia dietro Overwatch e delle relazioni tra i personaggi, storia che, però, non è mai stata realmente sfruttata da Blizzard, infatti Overwatch non vedrà mai la creazione di una vera e propria storia giocabile PvE parallela al PvP… ma può essere che con Overwatch 2 la situazione cambi?

Overwatch 2

Dopo anni in cui Overwatch sembrava essersi perso e aver perso una buona parte della community a causa delle pochissime novità che venivano inserite all’interno del gioco e dell’assenza di update importanti, il 1 novembre 2019, durante il BlizzCon, viene annunciato Overwatch 2, sequel free-to-play dell’amato titolo, il quale promette di riportare in vita Overwatch e di lavorare su quella parte PvE che la community voleva da tempo. Blizzard, però, non riesce a comunicare chiaramente le novità del titolo e/o un possibile periodo di uscita, il che lascia, per anni, un vuoto totale dietro Overwatch 2, il quale, fino a quel momento, erano solamente un nome e un trailer.

Overwatch 2 si presenta per la prima volta al pubblico con una Beta PvP giocabile su Console e PC dal 28 giugno al 18 luglio 2022 che presenta finalmente al pubblico tutte le (semi) novità su cui Blizzard ha lavorato in questi anni, come nuovi eroi, mappe, modalità e quello che si dimostra il cambiamento più grande di tutti: il passaggio dal 6v6 al 5v5, quindi con la presenza di un solo Tank in ogni team. Il titolo presenta molte opinioni positive, grazie anche alla nostalgia che alcuni player sentivano nel rigiocare un titolo che hanno amato per così tanto tempo, ma molte altre negative, principalmente a causa di come Overwatch 2, secondo queste opinioni, sia solo la versione leggermente rivisitata del primo capitolo, senza nessun vero cambiamento e, soprattutto, senza nessun accenno alla famosa modalità PvE che sarebbe dovuta essere la parte principale del sequel. Dovremo aspettare fine anno, però, per avere un gioco più completo.

via alle danze!

Il 4 ottobre 2022 alle 20:30 ora italiana, i server di Overwatch 2 aprono finalmente a tutti i player, dando la possibilità di giocare alla parte PvP del titolo, quindi senza ancora nessun accenno alla parte PvE, ma qualche problema di carattere tecnico ha fermato molti player dal provare il gioco. A causa dell’altissimo numero di player in attesa, i server non hanno retto alla richiesta e i giocatori hanno dovuto attendere ore in queue per poter entrare, o almeno provare ad entrare, visto che molto spesso il game crashava e i player dovevano ricominciare la queue da capo.

Per chi è riuscito a entrare e giocare qualche game, Overwatch 2 è apparso quasi identico alla Beta e, secondo molti, al primo capitolo, provando, almeno in parte, un piccolo senso di nostalgia e, in certi casi, di felicità nel giocare al titolo come se fosse (quasi) la prima volta. La formula free-to-play ha aiutato sicuramente a portare nuovi player, coloro che non hanno giocato al primo capitolo e che si trovano, effettivamente, in una nuova era. Questi, però, si troveranno a dover giocare per MOLTO tempo per sbloccare modalità ed eroi: i player che non avevano acquistato Overwatch, infatti, dovranno giocare circa 100 partite al fine di sbloccare tutto, cosa che ha fatto storcere il naso a molti player, come ci si poteva aspettare.

Possiamo concludere dicendo che Overwatch 2, in sé, non è molto diverso dal primo capitolo, anzi sarebbe giusto considerarlo un ritorno al passato, prendendo un titolo che la community ha amato e, in parte, dimenticato, e riportandolo in vita, con la volontà di Blizzard di voler fare conoscere a più nuovi player possibili il titolo. Ora aspettiamo la parte PvE…giusto?

Share Post:

Related Posts