Hearthstone: Guida al Mill Rogue

 

Oggi andremo a presentare un mazzo che ebbe molto successo con l’uscita di Naxxramas e, specialmente con la carta di classe “Alleati Segreti”, è ritornato in auge con l’uscita della Lega degli Esploratori grazie all’aggiunta di Brann Barbabronzea.
Fondamentalmente si tratta di uno dei mazzi più difficili da giocare e non assicura un alto win rate, di cui vi aveva parlato il nostro Simonixx91 nell’articolo che potete trovare cliccando qui. Quindi se vi manca qualche carta e non siete molto esperti pensateci bene prima di disincantare qualcosa per creare il nostro mill rogue.

Ecco la lista…mill rogue

 

Gameplay

Fondamentalmente il mazzo ha un solo scopo: uccidere l’avversario per affaticamento. Nelle prime fasi di gioco bisogna concentrarsi sul controllo della board attraverso “Pugnalata alle spalle”, “Vortice di lame”, “Veleno mortale” etc, cercando di diminuire i danni subiti. Conseguenzialmente dovete cercare di portare l’avversario ad avere 10 carte in mano stando attenti anche al proprio numero di carte.
Carte cruciali del mazzo sono “Brann Barbabronzea”, “Oracolo lucefredda” e “Alleati Segreti”.
La carta da giocare con cautela è “Sparizione”: è la vostra unica AOE e se usata nel modo giusto sancisce la vittoria della partita.
“Alleati Segreti” ha molte variabili per il suo uso, indicativamente si usa sugli oracoli, ma potrebbe servirvi anche per ottenere tre copie aggiuntive del “Curabot”, a seconda dell’inerzia della partita. “Passo d’ombra” è sempre stata usata sugli oracoli per far pescare molte carte in una sola mano all’avversario, se usata in combo con Brann il vostro avversario (ma anche voi) pescherà 8 carte in un solo turno. L’utilizzo di Brann non è solo limitato agli oracoli ma ha anche un forte impatto sul gioco se giocato in combo con il Curabot ripristinandoci ben 16 HP anziché 8, in questo caso si può usare “Passo d’ombra” su Brann in modo da poterlo mandare successivamente in combo con l’oracolo.

 

Mulligan

Generalmente bisogna tenere in mano le carte che vi permettono di avere un buon controllo dei mazzi aggro. Quindi “Pugnalata alle spalle”, “Veleno mortale”, “Sventramento” e “Ventaglio di lame” sono sempre da tenere.

 

Matchup

La nemesi del Mill Rogue sono i mazzi aggro. Il costo ridotto delle carte ed il fatto che svuotano velocemente la propria mano gli permettono di avvantaggiarsi dal massivo pescaggio di carte che gli concediamo. Contro i mazzi control non bisogna affrettare la giocata e tenere sempre presenti le possibili giocate dell’avversario di modo da non sprecare carte utili.

 

Sostituzioni

Thalnos possiamo sostituirlo con Coboldo Geomante.

Potreste provare ad inserire anche “Re Mukla”, come nei vecchi mill, che grazie al suo grido di battaglia, può velocizzare il processo di riempimento della mano avversaria, la controindicazione è data dal fatto che le due banane sono pur sempre un buon buff per i minion avversari e costano solo 1.

 

Di seguito vi lasciamo qualche esempio sul modo di giocare questo mazzo…

Firebat

Savjz

Forsen

 

Speriamo che questa guida vi sia utile, e come sempre: never give up!