Protagonista di oggi è youtuber Luca, Saladriel Amrael, che ha risposto alle nostre domande per farsi conoscere meglio dalla community.

Vi ricordiamo che le risposte sono state scritte di loro pugno e solo stilisticamente ottimizzate dallo staff newsers di Element. Questa scelta è nata dal desiderio di voler lasciare piena possibilità di esprimersi all’intervistato. Tramite le loro risposte speriamo riusciate a comprendere lo spirito dei protagonisti e del canale.

Potete conoscere meglio Saladriel Amrael e guardare tutti i suoi video sul suo canale.

Saladriel Amrael

Nome del tuo canale e breve descrizione

Saladriel Amrael – Gaming per passione

Descrivi te stesso e il tuo modo di fare intrattenimento in poche parole.

Il mio concetto di intrattenimento è la condivisione di qualcosa di bello che si ha dentro. Rimarrebbe sprecato stando chiuso, per cui cerchi di esprimerlo in qualche modo agli altri.

Io sono sempre stato, fin da piccolo, una persona con una fantasia vulcanica e amo condividerla con chi mi circonda. I Videogame sono stati, ancor prima dei libri, l’incipit di questa fantasia. Per me creare questi video è l’opportunità di condividere con tutto il mondo quello che provo, quello che penso e l’esperienza che vivo quando gioco ad un videogame.

Di quali giochi e tematiche ti occupi?

Sono stato abbastanza fortunato da vedere con i miei occhi i primi videogame e la loro evoluzione. Per questo mi piacciono tutti i generi di giochi single player, di ogni epoca, ed è proprio di questo che tratto: Gaming Single Player, retro e contemporaneo.

Ho intenzione di iniziare a fare anche qualche tutorial (Configurazioni dello Steam Controller, configurazioni ottimali per gli emulatori, ecc…).

Per quanto riguarda la parte non gaming del mio canale, di tanto in tanto condivido esperienze sui Sogni Lucidi o letture di brani scritti da me.

Qual è il tuo livello giocatore

Non giocando OnLine non ho un livello di giocatore…

Da quanto tempo è attivo il tuo canale e quanti iscritti ha?

Dunque, il mio canale è attivo dalla primavera del 2016 e ad oggi conta 22 iscritti

Raccontaci brevemente di come sia nato il tuo canale

Il canale Saladriel Amrael è nato ispirato dalla visione di Sabaku no Maiku e dei suoi video su Dark Souls. Nonostante questo, i primi video che ho creato non avevano nulla a che fare con il gaming.

L’ispirazione che ho ricevuto è stata sul metodo da utilizzare per comunicare quello che avevo dentro, usando un medium che aggira i “blocchi dello scrittore” dal quale sono ancora oggi perseguitato: la voce. Presa un minimo di confidenza con i mezzi di registrazione, ho iniziato a sperimentare con il gaming e così è nata la serie su Dead Space II.

Quale tipologia di gioco proponi sul tuo canale?

Come dicevo sopra mi occupo di giochi Single Player di qualsiasi genere ed epoca e ho intenzione di introdurre alcune guide e tutorial.

Ogni quanto esce un nuovo video?

Ad essere sincero una delle mie caratteristiche principali è la scarsissima autodisciplina. Per questo motivo, al momento tendo ad essere piuttosto scostante con la pubblicazione. Passo da 1 video al giorno ad 1 video ogni 3 settimane con una facilità disarmante.

Uno dei miei primi obiettivi è proprio quello di trovare una maggiore regolarità.

Il video più memorabile che tu abbia mai prodotto, raccontacelo e spiegaci perché è così speciale

In realtà sono due i video dei quali vado orgoglioso, e lo sono per motivi diversi. Voglio parlarvi di entrambi (Appunto, indisciplinato, no?)

Il primo è la puntata 12 della serie su Dead Space 2, intitolata “Bambini”.Lungi dall’essere perfetta dal punto di vista tecnico (ero alle prime armi), esprime molto chiaramente il mio concetto di fare intrattenimento.
La zona esplorata nell’ultimo terzo del video è il classico asilo stracolmo di bambini e ragazzini zombie/alieni, ed è carico di atmosfera. In quel video sono a tratti completamente immerso nel gioco e riesco a trasmettere quasi tutte le emozioni che provo giocando. E per me non c’è nulla di più bello.

Il secondo è la puntata 1 della serie su Dungeon Master per Amiga. La parte iniziale è un racconto da me scritto che riassume il romanzo breve che viene dato assieme al gioco. L’ho scritto e letto come se fosse il racconto di un bardo. Saladriel Amrael è infatti un personaggio nato dalla mia fantasia ed è per l’appunto un cantastorie girovago, un Bardo.
Da li il video continua con un gameplay che inizialmente è all’80% un tutorial e va via via sciogliendosi fino a lasciare lo spettatore pronto a godersi l’esplorazione del labirinto, con il party di eroi appena composto. Anche questo è uno specchio di come vivo io le avventure tramite i videogame, mescolando fantasia e tecnica di gioco.

Quali sono i pro e contro del tuo canale? Perché un giocatore potrebbe interessarsi a quello che pubblichi?

Iniziamo dai contro, così ci togliamo il dente.

La qualità tecnica è da principiante. Anche se faccio continuamente esperienza e di tanto in tanto mi documento, le mie conoscenze riguardo alle tecniche di ripresa, di illuminazione, di registrazione, di montaggio, di equalizzazione audio, ecc… sono ancora decisamente “verdi”. Inoltre ho delle attrezzature a dir poco spartane. Ma è quello che mi serve per fare “la gavetta”. Dopotutto, a cosa mi servirebbero attrezzature migliori se non fossi in grado di utilizzarle a dovere?

Un altro “contro” è che tendo a mostrare tutto dei miei gameplay, senza tagli. Soprattutto nei giochi di tipo Arcade, questo può risultare per alcuni ripetitivo e noioso. Quello che voglio fare però e di trasmettere la mia esperienza così come è, difficoltà mie e bachi del gioco compresi, e su questo non intendo scendere a compromessi.

Veniamo ai vantaggi.

Il primo è che mostro tutto dei miei gameplay, senza tagli, proprio perché, appunto, il mio obiettivo è quello di condividere un’esperienza. Questo vuole dire che chi è interessato a vivere l’esperienza o a vedere cosa vuole dire affrontare un dato gioco può interessarsi al mio canale piuttosto che ad uno dove viene mostrata solo la “soluzione” perfetta del gioco, montando solo le sequenze dove si ha successo (tipico sopratutto nei longplay dei giochi arcade).

Il secondo vantaggio è che ho un approccio Tecnico/Narrativo (alla Sabaku, se vogliamo) piuttosto che critico. Mi viene spontaneo mescolare commenti sugli aspetti tecnici del gioco con l’immersione nella trama, l’avanzamento del gameplay con la sua esplorazione narrativa (dove il gioco lo permette, ovviamente). Ho la parlantina da “Master di Gioco di Ruolo carta e penna”.

Il terzo vantaggio è che il mio canale è “senza tempo”, visto che affronto giochi di ogni genere ed epoca. Quindi, chi mi segue sa che tratterò allo stesso modo non solo ADOM, Dark Souls III e Baldur’s Gate, ma anche Pitfall, Super Meat Boy e Ghost ‘n’ Goblins (per fare degli esempi).

Grazie a Saladriel Amrael per aver partecipato a questa intervista. Noi continueremo a scoprire nuovi canali assieme, sempre qui, sempre su Element Gaming.