Microsoft starebbe lavorando ad un grande ritorno di Fable sui nostri schermi!

Avete letto bene, Microsoft è di nuovo all’opera e questa volta si tratta del ritorno di Fable, saga molto amata (ma anche odiata per certi capitoli) da milioni di fan! A conferarci la notizia è Eurogamer.net secondo la quale Microsoft avrebbe affidato lo sviluppo di quest’utlimo a Playground Games che si è anche in passato occupato dei Forza Horizon per Xbox e PC. Già in passato ci erano arrivate notizie sul fatto che lo studio inglese stesse lavorando ad un action RPG avendo con se sviluppatori che avevano precedentemente lavorato ai progetti di GTA V, Metal Gear Solid e Hellblade, ma non sapevamo nessun dettaglio sul progetto in questione, ed ecco qua che Eurogamer.net fa luce sul “caso”.

Sappiamo pure che il nuovo action RPG appartenente alla saga di Fable sarà parecchio incentrato sulla storia e sui personaggi, componente che rimane ancora forte nel mercato dei videogiochi e che sembra sfamare moltissimi palati ancora oggi (alla faccia tua EA). Lo studio di Redmond vuole dare il tutto per tutto su questo nuovo capitolo tanto che ha organizzato un grande piano di investimento che vede l’ingrandimento della sede del secondo ufficio Playground di Leamington Spa, nel Warwickshire fino a farla arrivare fino a 200 sviluppatori, tutti a lavoro sullo stesso progetto!

È arrivato il momento di vedere il fantastico mondo di Albion tornare a risplendere ancora e più vivo che mai!

Non dobbiamo aspettarci questa “favola” molto presto poiché Playground si trova ancora col progetto in fase embrionale e ancora senza lo staff completo.

La decisione di Microsoft di ritornare in uno dei mondi fantasy più amati dai videogiocatori avviene a meno di due anni dalla chiusura di Lionhead (lo studio creatore di Fabel) e dalla cancellazione di Fable Legends: un free-to-play che si discosta molto dai canoni pilastro di Fable, concepito come “gioco come servizio” e totalmente incentrato sul multiplayer.

Alcuni ex sviluppatori di Lionhead dichiarano che lo studio avrebbe voluto creare un Fable 4 solo dopo aver portato a termine lo sviluppo di Legends, il nuovo capitolo di Fable avrebbe seguito la traccia degli altri e, quindi, Legends sarebbe stato solamente un episodio a se stante e di transito.

Ovviamente lo staff della defunta casa di Peter Molyneux è contentissimo nel vedere Playground far tornare in vita la loro “creatura” ma, allo stesso tempo, questa eccitazione viene quasi placata dalla tristezza di non aver mai avuto la possibilita di realizzare il loro sogno: Fable 4.

Il co-creatore di Fable ed Ex Lionhead, Simon Carter, ha commentato la notizia con un mix di felicità, rimpianto e anche con una vena in parte polemica nei confronti della decisione di chiudere Lionhead presa da Microsoft.

Ho sentimenti leggermente contrastanti: da un lato penso che sia fantastico per l’industria dei videogiochi del Regno Unito ed è molto bello vedere che Fable non sia morto, anzi, sarà molto bello e divertente giocare la parte dello scommettitore. D’altra parte è un po’ curioso sbarazzarsi dell’unica squadra in grado di sviluppare Fable come si deve e poi provare a rifarne uno nuovo. Fable è un gioco strano, difficile da ricostruire ed analizzare per un nuovo team. Ma penso che il team in questione sia molto talentuoso e sono sicuro che riuscirà a svolgere un lavoro fantastico.

Ma perché Microsoft dovrebbe provare a far rinascere (magari in vano; lo studio rischia grosso) un IP che oramai si credeva morta ed abbandonata da tempo? Be’ la risposta sembra essere che Microsoft è alla disperata ricerca della chiave del successo, stessa chiave che ha portato Horizon Zero: Dawn (di Sony) a vendere più di 3,4 milioni di copie. La mamma di Xbox, ammettiamolo, invidia moltissimo Sony riguardo alle sue esclusive e vorrebbe provare a rimettersi in gioco pure lei (magari non cancellando quelle poche esclusive che ha).

Fonte: Eurogamer.net