Buona l’idea di cambiare la data di uscita…non se la hanno tutti

I mesi di Ottobre e di Novembre erano affollatissimi di titoli in uscita che si facevano troppa concorrenza tra loro, così le software house hanno intelligentemente deciso di rimandare i propri titoli per liberarsi da tale concorrenza e per dare un pò di respiro ai fan e ai giochi stessi, ci stà solo un problema in questo: questa opzione è stata adottata da tutti.

Il periodo scelto dalle case produttrici, per far uscire i prodotti, pare essere quello compreso tra fine Gennaio e Marzo, e ricordatevi bene questo periodo perché uscirà veramente di tutto tanto che i giochi non avranno il loro meritato spazio e i portafogli degli acquirenti non avranno un momento per riempirsi. Infatti Days Gone, Metro Exodus, Crackdown 3 e Anthem usciranno tutti il 22 Febbraio mentre The Division 2 sarà rimandato al 15 Marzo 2019. A Gennaio vediamo due titoli di rilievo in dirittura d’arrivo: Resident Evil 2 Remake, fissato per il 25, e Kingdom Hearts III, pronto per il 29 dello stesso mese.

Il vero problema di questo affollamento è che si tratterà di una vera e propria lotta alla sopravvivenza che vedrà vincitori solo i titoli più acclamati dal pubblico. Questa situazione ricorda molto ciò che successe ad EA e al suo Titanfall 2 a Ottobre 2016: pur essendo un buon titolo, Titanfall 2 fu letteralmente ucciso da Battlefield 1 e da Call of Duty: Infinite Warfare, che uscirono nello stesso periodo del titolo EA, non dandogli il respiro meritato.

Ci sono comunque software house che non sembrano intente a mollare la propria finestra di mercato (che si tiene, appunto, tra Ottobre e Novembre) forse perché si tratta di titoli a cadenza annuale e quindi fissa: PES, FIFA e Assassin’s Creed manterranno la propria data di uscita. Tali titoli non possono permettersi un rinvio forse anche in virtù del fatto che tale spostamento potrebbe causare uno “smarrimento” dei giocatori casual che non si ritroveranno più l’appuntamento fisso che tanto aspettano. Tra le cadenze oramai annuali che non lasciano il posto a nessuno vi sono anche Battlefield V, pronto per il 19 Ottobre, e Call of Duty Black Ops 4, in arrivo il 12 Ottobre.

Resiste anche Rockstar Games che, pur non avendo una cadenza fissa, mantiene il suo Red Dead Redemption 2 fissato per il 26 Ottobre. Nonostante questa massiccia migrazione, quindi, Ottobre non rimane all’asciutto, ma tutto il contrario.